Social Icons

MONTI SIBILLINI

219

Il Parco nazionale dei Monti Sibillini si trova a cavallo tra l’Umbria e le Marche nella parte orientale della regione. Il parco comprende le città di Norcia, Visso, Ussita, Preci, Castelsant’angelo sul Nera, Fiastra, Bolognola, Pievebovigniana e altri piccoli centri. Una catena montuosa che si erge nel cuore dell’Italia fino a raggiungere, con il M. Vettore i 2.476 m. E’ qui, nel regno della mitica Sibilla che nel 1993 è nato il Parco Nazionale Monti Sibillini (oltre 70.000 ha) con lo scopo di salvaguardare l’ambiente, promuovere uno sviluppo socio-economico sostenibile e favorire la fruizione ad ogni categoria di persone sì da creare un “Parco per tutti”. Lupo, aquila reale, falco pellegrino e numerose specie endemiche sono i segni più evidenti di una diversità e di una ricchezza biologica che, unitamente al fascino delle abbazie e dei centri storici medioevali, disseminati a guisa di corona alle falde del gruppo montuoso, hanno contribuito a determinare un mondo antico e suggestivo dove il tempo sembra, ancora oggi, essersi fermato per rendere omaggio a una realtà di così straordinaria bellezza.Tra le specie vegetali c’è la stella alpina, il ginepro, l’anemone e varie specie di orchidee.Il parco dei Sibillini conserva antichissime tradizioni gastronomiche, qui la civiltà pastorale si unisce alla norcineria e l’agricoltura resiste, con alcune produzioni simbolo del territorio umbro. Oltre alla rinomata produzione di salumi, formaggi e ricotte, il clima del territorio favorisce la coltivazione di lenticchie, (famose sono le lenticchie di Castelluccio) e la raccolta di funghi e tartufi. Ricordiamo che la città di Norcia ospita ogni anno la mostra mercato internazionale del tartufo nero pregiato e dei prodotti tipici, famosa in tutta Italia. Questa zona è il luogo ideale per praticare sport invernali come lo sci grazie ai 5 impianti sciistici situati sulla Forca Canapine e il pattinaggio su ghiaccio presso il palaghiaccio di Ussita. D’estate sono molti gli appassionati di parapendio che si danno appuntamento sulle montagne della Valnerina.